Castello di Minervino Murge

Il castello domina il territorio a nord, sulla sommità della collina, in chiara posizione difensiva; ora sede del Municipio.
La costruzione dell'ala più antica risale ai normanni, presumibilmente nel 1042 e fu terminata agli inizi del 1300, come attestato da uno stemma del feudatario Giovanni Pipino posto all'ingresso di una torre negli ambienti oggi sede del Museo Civico Archeologico.
Utilizzato per secoli come fortezza, ricordiamo gli assedi e le battaglie del 1341 e del 1350 tra la famiglia dei Pipino e quella dei Del Balzo, il castello conobbe nella prima metà del 1600 una serie di profonde modifiche ad opera dei Principi Pignatelli, feudatari tra il 1619 e il 1657, che lo trasformarono in una lussuosa dimora, aggiungendo tutto il corpo anteriore e la facciata, che un ampio cortile separa dalla parte normanna.
In questo periodo fu costruito un corridoio interno che collegava il castello alla chiesa di San Francesco, al fine di far assistere alle funzioni religiose i componenti della nobile famiglia all'interno della struttura protetta.
Nel castello soggiornò per qualche anno il Cavalier Bayard , eroe francese noto come il cavaliere senza macchia e senza paura, protagonista della guerra tra spagnoli e francesi nei primi anni del cinquecento.
L'utilizzo continuato sino ai nostri giorni del castello ha portato a modificare sostanzialmente la struttura al punto che oggi, al suo interno, non conserva alcuna di quelle decorazioni che dovevano certamente abbellirlo.

Indirizzo: Piazza Trento e Trieste, 7
Apertura al pubblico: Dal lunedì al sabato
Costo del biglietto: gratuito
Tel/fax: 0883.692341